modifica ad insiemi di macchine

Il ricondizionamento, o riparazione di una macchina, senza che questa subisca modifiche costruttive — non rientranti nella ordinaria o straordinaria manutenzione — o che sia stata assoggettata a variazioni delle modalità di utilizzo, non previste direttamente dal fabbricante, non rientra nell’ambito di applicazione della direttiva macchine ai sensi del D.Lgs. 17/2010.

Inoltre, nel caso di riparazione o ricondizionamento di una macchina che non sia oggetto di transazione commerciale — ovvero che non cambi proprietario — è responsabilità del proprietario della macchina verificarne la conformità ai requisiti legislativi ad essa applicabili.

In particolare, se il proprietario della macchina è anche il datore di lavoro del luogo nel quale la macchina è in servizio, è assoggettato agli obblighi stabiliti dal D.Lgs. 81/2008 all’articolo 70:

“Salvo quanto previsto al comma 2, le attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori devono essere conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto” ,

ed all’articolo 71

Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui all’articolo precedente, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie”.

La ‘Blue Guide’ on the implementation of EU product rules” (edizione 2016) contiene indicazioni riguardanti la riparazione dei prodotti:

Products which have been repaired or exchanged (for example following a defect), without changing the original performance, purpose or type, are not to be considered as new products according to Union harmonisation legislation. Thus, such products do not need to undergo conformity assessment again, whether or not the original product was placed on the market before or after the legislation entered into force.

This applies even if the product has been temporarily exported to a third county for the repair operations.

Such repair operations are often carried out by replacing a defective or worn item by a spare part, which is either identical, or at least similar, to the original part (for example modifications may have taken place due to technical progress, or discontinued production of the old part), by exchanging cards, components, sub-assemblies or even entire identical units.

If the original performance of a product is modified (within the intended use, range of performance and maintenance originally conceived at the design stage) because the spare-parts used for its repair perform better due to technical progress, this product is not to be considered as new according to Union harmonisation legislation.

Thus, maintenance operations are basically excluded from the scope of the Union harmonisation legislation. […]

Software updates or repairs could be assimilated to maintenance operations provided that they do not modify a product already placed on the market in such a way that compliance with the applicable requirements may be affected.

Se invece vuoi sapere a cosa sono soggetti i pezzi di ricambio, leggi qui.

1 Comment

  1. Aggiungerei, stimolato dalla foto delle barriere da voi riportata nell’articolo, che la marcatura CE non è altresì necessaria nel caso di adeguamento o comunque aggiunta di presidi per la sicurezza.
    cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment